La torta dolce con la zucca trombetta di Albenga

La zucca trombetta di Albenga, una zucca tuttofare

La zucca trombetta di Albenga è una varietà di zucche della specie cucurbita moschata tipica di Albenga e in più in generale della Liguria.

La zucca trombetta di Albenga  venne introdotta in tempi remoti molto probabilmente dai marinai che portavano dai loro viaggi frutti esotici e curiosi. Attualmente è coltivata e consumata quasi unicamente in Liguria, in Piemonte e in parte della Costa Azzurra.

Zucca trombetta di Albenga (foto da aisapori.blogspot.it)La zucca trombetta deve il suo nome alla particolare e caratteristica forma: se coltivata a terra, infatti, si arrotola su se stessa assomigliando, grazie anche al rigonfiamento finale dove è concentrata la maggior parte dei semi, ad una trombetta. Se impalcata invece su di un pergolato, assume una forma allungata per una lunghezza che può raggiungere il metro e mezzo.

La zucca trombetta di Albenga può esser consumata quando il frutto è ancora immaturo come se fosse una lunga zucchina (ottima saltata in padella), oppure a maturità completa, come una vera e propria zucca (perfetta per le zuppe), quando assume un delizioso sapore che ricorda la nocciola. La trombetta di Albenga, che può essere utilizzata come sostituto in tutte le ricette a base di zucchine o di zucche, si conserva fino ad un anno, se posizionata alla luce del giorno ad una temperatura tra i 10° e i 25°.

Il sapore della zucca trombetta di Albenga è delizioso, di gran lunga superiore alle zucchine comuni. I semi sono tutti concentrati nel rigonfiamento finale, quindi la quasi totalità della tromba d’Albenga è costituita da polpa compatta e soda di primissima qualità, cosa che facilita molte preparazioni culinarie. Ottima, per esempio, come sugo per la pasta e anche come componente di una torta dolce e profumata tipica di Pietra Ligure (nella foto di apertura), preparata per il periodo natalizio ma adatta a ogni situazione. Questa la ricetta.

Ingredienti – Per la sfoglia, 250 g di farina tipo “0”, 130 g di acqua, 10 grammi di olio, Pigato passito della Riviera Ligure di Ponente, un pizzico di sale; per il ripieno, 1 kg di zucca trombetta di Albenga, 300 g uvetta, 100 g pinoli, zucchero

Preparazione – Impastate tutti gli elementi e tirate una sfoglia rotonda che riesca a coprire la teglia
Fate bollire la zucca per circa 10 minuti, sino ad ammorbidirla. Scolatela bene e assicuratevi di eliminare l’acqua in eccesso. Mettete l’uvetta a bagno nel Pigato passito della Riviera Ligure di Ponente.

Prendete la zucca perfettamente asciutta, aggiungete l’uvetta ammorbidita, qualche cucchiaio di zucchero e i pinoli e mescolate il tutto.

Stendete la sfoglia e adagiatela su una teglia. Versate il composto di zucca sulla sfoglia, cospargete con un po’ dolio di oliva e infornate 220 gradi. Cuocete per circa 40 minuti e poi … buon appetito!

Lascia il tuo voto!

Tags : , , , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: