Home / Buono a sapersi / Pranzo di Pasqua: istruzioni per l’uso

Pranzo di Pasqua: istruzioni per l’uso

State per preparare la lista per il pranzo di Pasqua? Allora, possono essere utili i consigli delle associazioni Federconsumatori e Adusbef per una spesa intelligente e “risparmiosa”.

Pranzo di PasquaNella scelta di cosa comperare per il pranzo di Pasqua, non lasciatevi prendere dall’entusiasmo: carte colorate e confezioni accattivanti sono studiate appositamente per attirare l’attenzione, ma non sempre sono all’altezza del prezzo e del contenuto.

Nel compilare la lista dei prodotti da acquistare per il pranzo di Pasqua, predisponete un budget per la spesa per non esagerare con gli acquisti: sistematicamente, dopo ogni festività, molti prodotti finiscono nella spazzatura quasi integri.

Approfittate delle offerte applicate nei diversi punti vendita perché si può risparmiare oltre il 20%; tra l’altro molti di questi punti vendita incentivano gli acquisti regalando una colomba.

Preferite i prodotti cosiddetti a “km 0”: frutta, verdura, carne, uova, ecc.) del territorio, che non hanno viaggiato per giorni sui camion o nei frigoriferi e quindi sono più freschi e hanno prezzi più vantaggiosi.

Colomba, pizza pasquale, dolci e biscotti tipici della tradizione possono tranquillamente essere confezionati in casa, risparmiando così anche oltre il 75%.

L'uovo di cioccolato per il Pranzo di PasquaPer le uova di Pasqua, l’importante è tener presente alcuni criteri fondamentali: la data di scadenza; i valori nutrizionali e gli ingredienti (se il contenuto di cacao è elevato si troverà tra i primi ingredienti della lista).

Una volta scartato l’uovo, non abbassate la guardia: controllate che le sorprese riportino sempre il marchio CE, che garantisce la sicurezza dei materiali utilizzati e verificate che l’età consigliata per il gioco sia adeguata a quella dei bambini a cui è destinato.

Per la carne che utilizzerete per il pranzo di Pasqua (ma non solo), rivolgetevi ai rivenditori di fiducia e fate attenzione alla provenienza. Se l’acquistate già confezionata presso la grande distribuzione, prestate attenzione all’integrità della confezione, alla data (sia di confezionamento sia di scadenza), all’aspetto ed al colore del prodotto.

Buon pranzo di Pasqua!

 

Lascia il tuo voto!

Riguardo La Redazione

La Redazione
Vi proponiamo il gusto di mangiare, bere bene, ma anche il gusto di sapere, di scoprire curiosità della passione per la nostra Penisola.

Controlla anche

Prodotti tipici Parco del Pollino

Nel Parco del Pollino tra natura, tradizioni e golosità – parte 1

D’accordo, magari siamo in anticipo rispetto al calendario. L’inverno è agli sgoccioli, la primavera (quella …