Pralina, nel suo nome… una bugia!

La storia (o leggenda) della pasticceria sembra fatta di pasticci e pasticcioni. Anche quella della pralina, meraviglioso dolcetto di cioccolato dal “cuore” piacevolmente morbido, non è da meno ed ha per “colpevole” monsieur Clement Jaluzot, cuoco di César de Choiseul, duca di Choiseul e conte di Plessis-Praslin, sul finire del Seicento.

Una sera, mentre era intento a preparare una cena di gala indetta dal duca, il nostro Clement fece cadere, ovviamente per errore, lo zucchero fuso in un composto di mandorle tritate. La grandeur francese non escludeva forme nascoste di economia nei palazzi, per cui l’ingegnoso cuoco ricoprì con cioccolato fuso quelle preparazioni ricche e croccanti, e le servì come dessert. Il duca ne rimase entusiasta tanto da proporre le raffinate delizie di cioccolato a tutte le sue feste.

La fama dei deliziosi cioccolatini del duca, divenuto nel frattempo ministro di Stato, era giunta a Versailles. Una sera, durante un’impegnativa cena (una di quelle molto importanti, in cui anche un Ministro può giocarsi la carriera), il Re Luigi XIV gli venne chiesto davanti a tutta la Corte il nome di quelle straordinarie squisitezze. Per farsi bello il duca di Praslin non esitò a sparare una sonora bugia: «Siccome le ho inventate io le ho data il mio nome…. Praline!».

Comunque, la storia (o la leggenda) racconta che anche il vero inventore ebbe la sua ricompensa. Alla fine di una lunga e onorata carriera il fedele Clément si ritirò nel suo paese, Montargis in Francia, dove aprì una pasticceria che è sopravvissuta fino ai nostri giorni.

Per pralina si intende oggi una noce di cioccolato che racchiude una farcitura cremosa. La prima pralina fu realizzata a Bruxelles nel 1912 da Jean Neahaus. Pochi anni più tardi, per ragioni egieniche venne dotata di ballotin, ovvero racchiusa in un fogliettino di carta pieghettata perché era venduta anche singolarmente.

Lascia il tuo voto!

Tags : , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.