Home / Cucina gustosa / Pasimata, il dolce di fine Quaresima

Pasimata, il dolce di fine Quaresima

Si chiama Pasimata ed è tipica della Valle del Serchio e della lucchesia in generale.

La Pasimata (o Passimata)  è un dolce che a Lucca e nella sua provincia viene consumato  tradizionalmente durante la Quaresima e, benedetto in chiesa, nel giorno di Pasqua. In pratica è una  “schiaccia”, dolce toscano che prende il nome dalla tradizione di preparare, alla fine della Quaresima, tanti dolci schiacciando decine di uova.

Pasimata dolce tipico della Valle del SerchioNella versione originale la Pasimata è un normale pane, non dolce, che con il trascorrere del tempo è stato ingentilito dalla presenza dello strutto e dello zucchero. La versione della Valle del Serchio – Garfagnana prevede l’aggiunta di uova ed uvetta.

La schiacciata è un pane rituale che, una volta, aveva un preciso significato religioso. In tutte le parrocchie, a cura delle confraternite e benedetta dai parroci, era distribuita in chiesa. Un pane da dividere fra tutti, ad ognuno la sua parte, nel significato di comunanza fraterna.

L’uovo è sempre stato il simbolo della vita che ogni anno a Primavera si rinnova. È l’emblema della fecondità e della fortuna e festeggia l’arrivo della Pasqua e della Primavera con l’augurio di una buona stagione. Per la religione cristiana la Pasqua, che è la Resurrezione di Gesù, è un inno alla vita e per questo sono benedette le uova sode. Con il tempo si è introdotto l’uovo di cioccolata con la sorpresa al posto del naturale pulcino.

Un tempo, il Sabato Santo, precedente la Pasqua, la Pasimata e le uova erano portate in chiesa per essere benedette.

Prepariamo la Pasimata

Ecco la ricetta di Giambattista Giannotti, chef di uno dei ristoranti che si trovano all’interno del Ciocco Tenuta e Parco, per preparare la Pasimata.

Ingredienti per il primo impasto – 1 kg farina – 400 gr zucchero – 40 gr lievito – 20 gr olio – 40 gr strutto – 350 gr tuorlo uovo.

Ingredienti per il secondo impasto – 1 kg farina – 400 gr zucchero – 140 gr burro – 20 gr olio – 40 gr strutto – 350 gr tuorlo uovo – 40 gr anice – acqua di rose – rhum – sale quanto basta – 600 gr uva passita.

Procedimento – Mescolare gli ingredienti del primo impasto e lasciarlo lievitare finché l’impasto non raddoppia. Preparare il secondo impasto e quando il primo impasto è pronto mescolarli insieme.

Mettere l’impasto ottenuto a lievitare in uno stampo di carta da panettone e lasciarlo crescere, coperto da una pellicola trasparente, per cinque ore finché non raggiunge il bordo dello stampo.

A questo punto spennellare la superficie della schiacciata con un tuorlo sbattuto e poi infornare il tutto in un forno preriscaldato a 180 gradi per circa un’ora.

Buon appetito!

Lascia il tuo voto!

Riguardo La Redazione

La Redazione
Vi proponiamo il gusto di mangiare, bere bene, ma anche il gusto di sapere, di scoprire curiosità della passione per la nostra Penisola.

Controlla anche

Strudel di mele

Strudel, l’erede del dolce preferito dal Sultano Solimano il Magnifico

A settembre, in Alto Adige e nel Trentino è tempo della raccolta delle mele. Ed …