Frittata di Scammaro

Frittata di Scammaro, il piatto napoletano quaresimale dimenticato

La Frittata di Scammaro è un classico della cucina povera napoletana, ormai quasi dimenticato. Un tempo era un piatto del periodo quaresimale.

Curiosa l’origine del nome della Frittata di Scammaro (foto di apertura da grandenapoli.it). Un tempo i monaci che per motivi di salute avevano il permesso di mangiare carne anche in Quaresima, per non turbare gli altri confratelli, mangiavano nella loro camera, in lingua napoletana “cammera “. Quindi” cammerare ” divenne sinonimo di mangiar di grasso, mentre il contrario, ” scammerare ” sinonimo di mangiar di magro.

Ippolito Cavalcanti, duca di Buonvicino e discendete di quel guido Guido amico di Dante, inserì nel 1839 questa ricetta nel suo Cucina Teorico Pratica, vera e propria enciclopedia della cucina napoletana, anche di quella contadina e popolare.

« Scaura tre rotole de vermicielle, ma teniente, teniente, li scule e li buote dinto a no tiano co tre mesurielle d’uoglio zoffritto, co miezo quarto d’alice salate, e pepe, quanno l’aje mbrogliate e asciuttate, ne miette na mità dinto a la tiella e nge miette na mbottonatura d’aulive senza l’osso, de chiapparielle, d’alice salate a meza a meza, passe e pignuole, nge miette l’auta mmità de li vermicielle e nge farraje fa la scorza sott’e ncoppa, facennola friere co la nzogna o co l’uoglio».

Come anche i non napoletani possono intuire, si tratta di una preparazione molto semplice, sia negli ingredienti sia nella preparazione. L’unica accortezza è nella cottura che risulta un po’ più lunga della cottura di una frittata di pasta fatta con le uova, a fuoco dolce facendo ruotare spesso la padella sul fornello per ottenere una doratura quanto più omogenea possibile ed inclinandola per permettere la doratura anche ai bordi.

Se volete cimentarvi nella preparazione della Frittata di Scammaro per due/tre persone (magari con l’aiuto del video sotto) vi servono: 300 g di vermicelli, 100 g di olive Gaeta, 50 g di capperi, 50 g di pinoli, 2 o 3 alici sotto sale, olio extra vergine di oliva q.b., uno spicchio d’aglio, prezzemolo, sale e pepe qb.

Procedimento – Portate a bollore l’acqua per la pasta, salatela leggermente ( il condimento sarà saporito di sale ) e cuocete i vermicelli. Scolateli molto al dente. In una padella che conterrà poi anche la pasta, fate imbiondire l’aglio in 5/6 cucchiai di olio. Aggiungete poi le olive snocciolate e tagliate a metà, i capperi, l’uvetta ed i pinoli e cuocete a fuoco dolce per qualche minuto, aggiungete poi le alici e fate cuocere ancora qualche minuto e … buona Frittata di Scammaro!

Lascia il tuo voto!

Tags : , , , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: