Buono a sapersi

Il Parrozzo pescarese

Scritto il dicembre 7, 2016Da La RedazioneIn Buono a sapersi

Parrozzo, il dolce che addolcì d’Annunzio

Il Parrozzo è il dolce natalizio per eccellenza di Pescara ed il connubio tra le due entità non può essere più stretto. Il Parrozzo, inventato pochi anni prima da un geniale pasticcere pescarese, tenne infatti a battesimo, il 6 dicembre 1926, l’unione di Castellamare Adriatico, comune teramano a nord del fiume Pescara, e del borgo Pescara, a sud del fiume e che poteva vantare l’aver dato i natali a Gabriele d’Annunzio e ad Ennio Flaiano. I due centri diedero vita ad un nuovo agglomerato urbano, Pescara appunto, che diventò anche ilLeggi l'articolo
Una pentola di cassoeula

Scritto il novembre 22, 2016Da Bruno BridaIn Buono a sapersi

La lombarda cassoeula ha origini meridionali!

La cassoeula, il milanesissimo e lombardissimo piatto invernale a base di verze e parti povere del maiale ha origini meridionali, se non addirittura spagnole! Una popolare leggenda vuole che la cassoeula sia stata inventata da un soldato spagnolo di stanza nel milanese per far colpo su una giovane donna locale, cuoca presso una famiglia nobile, che poi l’avrebbe preparato per i suoi padroni con grande successo. Al di là di questa romantica e probabilmente inventata storiella, gli storici hanno individuato nel Llibre de doctrina per a ben servir, de tallarLeggi l'articolo
Sise delle monache
Oggi vogliamo parlarvi di un dolce abruzzese dal curioso e malizioso nome: Sise delle monache, o Tette delle monache. Per parlare delle Sise delle monache utilizziamo parte di un articolo pubblicato il 16 novembre del 2011 sull’edizione teatina (ossia di Chieti) del quotidiano Il Centro, a firma di Rossano Orlando. Le Sise delle monache – soffice pan di Spagna farcito con delicata crema pasticcera, con tre protuberanze spolverate di zucchero a velo – è il dolce tipico di Guardiagrele. Guardiagrele è un piccolo comune di poco più di novemila abitanti dellaLeggi l'articolo
Orecchiette con cime di rapa

Scritto il luglio 9, 2016Da La RedazioneIn Buono a sapersi

A Grottaglie la grande festa delle orecchiette

Il 17 e 18 agosto, Grottaglie (Taranto) organizza la sesta edizione di Orecchiette nelle 'nchiosce, kermesse enogastronomica che ha come obiettivo far conoscere i segreti, i profumi ed i sapori della regina indiscussa delle tavole pugliesi. Suoi “ambasciatori” saranno dodici grandi chef pugliesi che con i loro stand andranno ad animare le 'nchiosce, i caratteristici vicoli del centro storico di Grottaglie. Leggi l'articolo
Focaccia genovese

Scritto il luglio 7, 2016Da La RedazioneIn Buono a sapersi

Liguria, spiaggia che vai focaccia che trovi

Lo sapevate che la morbida focaccia ligure varia da Riviera a Riviera? Siete in procinto di partire per le vacanze? andate al mare? magari in Liguria? assaporate già il piacere di mordere la fragrante, morbida focaccia? Focaccia … ma quale focaccia? quella della Riviera di Levante o quella di Ponente? quella di Genova o di Sanremo? Già, perché in Liguria, spiaggia che vai, focaccia che trovi! La “madre di tutte le focacce” liguri è la genovese fügassa. Un tempo – e per molto tempo – fu il pranzo a bassissimo costo deiLeggi l'articolo
Adotta una mucca

Scritto il luglio 1, 2016Da Bruno BridaIn Buono a sapersi

Adotta una mucca ed aiuti i masi

Adotta una mucca! Così aiuti i malghesi nel loro lavoro nelle malghe e potrai mangiare il “tuo” formaggio. Avete presente quella pubblicità in cui un bambino dopo aver bevuto un sorso di latte esclama piacevolmente sorpreso “ma è quello della Lola”? I nostri bambini “cittadini”, così poco avvezzi alla natura da temere una gallina e confondere un’anatra da una papera, non indovineranno mai (e come potrebbero?) da quale mucca proviene il latte che bevono, ma possono avvicinarsi al mondo rurale ed ai suoi animali con una modalità oggi molto propagandataLeggi l'articolo
Aperitivo Hugo

Scritto il giugno 30, 2016Da La RedazioneIn Buono a sapersi

Hugo, l’aperitivo estivo sudtirolese

Si chiama Hugo: è un aperitivo estivo sudtirolese, veloce nella preparazione, dal gusto fresco e giovane. C’era una volta l’Aperol Spritz, oggi in Alto Adige per dire aperitivo si dice Hugo. Prosecco, sciroppo di sambuco e foglioline di menta fanno di questo rinfrescante cocktail un must estivo. Assolutamente da provare! Ingredienti (per 1 persona) – 15 cl di Prosecco; 2 cl di sciroppo di citronella o sciroppo di fiori di sambuco; 1 spruzzo di soda; qualche fogliolina di menta. Preparazione – Mescolare delicatamente tutti gli ingredienti con 2-3 cubetti di ghiaccio e servire conLeggi l'articolo
Biscotti di Monreale

Scritto il giugno 29, 2016Da La RedazioneIn Buono a sapersi

Monreale e la tradizioni dei biscotti ad “S”

La siciliana Monreale non è sola la sua splendida cattedrale, ma anche i suoi deliziosi biscotti a forma di S inventati dalle locali suore benedettine. Monreale è famosa nel mondo per la splendida Cattedrale di Santa Maria Nuova, l’esempio più importante dell’architettura normanna in Sicilia, oggi Patrimonio dell’Umanità (Unesco). Monreale è famosa anche per i suoi biscotti, che non dovrebbero mancare tra i souvenir che ogni turista si porta a casa dopo la visita della cittadina. Sono biscotti oblunghi a forma di “S”, ripieni di marmellata di cotogne o di cedriLeggi l'articolo
Vincotto

Scritto il giugno 27, 2016Da La RedazioneIn Buono a sapersi

Vincotto, la tradizione si fa comunità

Girala come vuoi, ma anche quando si parla del Vincotto e della sua storia si finisce inevitabilmente a parlare dei romani. Avete mai sentito del Vincotto? Probabilmente no, o al massimo confusamente, se siete nati nel nord dell’Italia. Si tratta di un prodotto quasi scomparso della tradizione gastronomica pugliese, più precisamente salentina. Che centrano i romani se è una storia pugliese, vi chiederete. Centrano eccome perché le origini del Vincotto di cui stiamo parlando risalgono ai tempi degli antichi romani, quando per conservare il mosto d’uva, in mancanza di altre tecniche piùLeggi l'articolo
Peperoni dolci

Scritto il giugno 21, 2016Da La RedazioneIn Buono a sapersi

Verdura di stagione, piacere di mangiare sano

Impariamo a riscoprire il piacere di mangiare frutta e verdura di stagione. Ma quali sono quelle del trimestre estivo? Oggi la “catena del freddo”, il trasporto via veicoli refrigerati e la forza della grande distribuzione hanno reso globale (almeno per chi può permetterselo) la disponibilità del cibo. Ciò che un tempo erano primizie offerte a prezzi elevati (come le mitiche fragole in inverno) oggi sono la normalità quotidiana sui banchi dei nostri supermercati. Acquistare e consumare invece frutta e verdura nel momento in cui sono maturi naturalmente, risulta più sano ed ancheLeggi l'articolo