Home / Archivio News / Autunno tempo di zucche e gnocchi de suca santa!

Autunno tempo di zucche e gnocchi de suca santa!

Siamo ad ottobre e l’autunno timidamente si sta facendo avanti, cosa comprare per la nostra cucina? Beh, ad esempio, è tempo di zucche e gnocchi!

La zucca è un fantastico ingrediente della tradizione italiana perché ha una polpa adatta a diverse preparazioni, sia dolci sia salate.

Nell’utilizzarla occorre, però, fare attenzione al livello della sua acquosità: se verificate nella preparazione del piatto che vi proponiamo – gnocchi di zucca, tipici della cucina friulana che li chiama Gnochi de suca santa (la preparazione richiede un’ora, a cui aggiungete tre minuti per la cottura) – che il composto è troppo umido e morbido, aggiungete altra farina, poco a poco, fino ad ottenere la giusta consistenza.

Gli gnocchi sono una piatto sostanzioso, semplice e veloce da preparare. Molto diffusi in Italia, da Nord a Sud, sono preparati con diversi ingredienti: dai più classici con la patate, a quelli fatti con il semolino, con il pane secco, con la farina di riso, con la farina di mais e tanti altri ingredienti.

La variante a base di zucca è legata maggiormente alla tradizione gastronomica del Nord Italia, più precisamente friulana, e viene consumata principalmente in autunno, quando la zucca è in stagione.

La tradizione – Agli gnocchi è dedicata addirittura la maschera più importante del Carnevale di Verona: il Papà del gnoco è raffigurato come un uomo anziano, benevolo e barbuto, con in mano una grande forchetta dorata in cui è infilato uno gnocco di patata.

gnocchi-di-zuccaQuesta tradizione della città scaligera pare abbia le proprie origini storiche dalla terribile carestia che colpì Verona nel 1531: il popolo affamato si riversò in piazza per assalire i forni e la rivolta fu scongiurata grazie all’intervento di Tommaso Da Vico che fece distribuire a proprie spese –  l’ultimo venerdì del Carnevale – pane, burro, farina e formaggio.  Da questo episodio pare sia nato il Baccanal del gnocco, che si svolge ogni anno durante il Carnevale di Verona.

Ingredienti (per 4 persone) – 800 g di zucca; 150 g di farina doppio zero; 1 uovo; sale e pepe q.b.; noce moscata q.b.; 60 g di burro; 8 foglie di salvia; 60 g di parmigiano grattugiato.

Preparazione – Innanzitutto, cuocete la zucca. Tagliatela a metà, con la buccia, e disponetela in una piastra da forno cosparsa sul fondo di sale grosso.

Coprite la zucca con l’alluminio e mettetela a cuocere in forno a 180 gradi per circa un’ora. Quando la zucca è cotta, fatela raffreddare: pelatela e passate la polpa con lo schiacciapatate per ottenerne una purea.

Per fare l’impasto degli gnocchi di zucca, disponete la polpa di zucca schiacciata sul piano di lavoro e aggiungete sale, pepe e noce moscata. Unite l’uovo e la farina e mescolate tutto insieme. Controllate la consistenza dell’impasto: è pronto quando al tatto risulta soffice e morbido ma non si attacca alle dita.

A questo punto preparate gli gnocchi. Cospargete il piano di lavoro con un po’ di farina e tagliate una piccola parte del composto che andrete ad arrotolare, ottenendo dei cilindretti allungati di pasta. Tagliate i cilindretti in pezzetti della stessa misura. Gli gnocchi devono essere cotti in abbondante acqua salata bollente.

Mentre l’acqua bolle preparate il condimento degli gnocchi: in una padella fate sciogliere il burro con alcune foglie di salvia fresca per profumarlo.

Gettate gli gnocchi nell’acqua bollente. Aggiungete al burro e salvia un cucchiaio di acqua di cottura per migliorare la consistenza della salsa. Quando gli gnocchi tornano in superficie sono cotti: dovete scolarli con l’ausilio di una schiumarola o di un mestolo bucato. Saltate delicatamente gli gnocchi in padella con il burro fuso, la salvia e il parmigiano grattugiato.

Impiattate gli gnocchi cospargendoli con il parmigiano e … buon appetito!

Riguardo Redazione

Redazione
Vi proponiamo il gusto di mangiare, bere bene, ma anche il gusto di sapere, di scoprire curiosità della passione per la nostra Penisola.

Controlla anche

Radici del Sud 2019, connubio fra enologia ed alta cucina

Lunedì 10 giugno torna il Salone dei vini e degli oli del Meridione al Castello …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.