• 19 2017 ottobre

    Da Stefano Cavada ricette nella tradizione altoatesina

    Stefano Cavada è un giovane youtuber altoatesino che ha deciso di far conoscere le tipicità enogastronomiche sudtirolesi, sfruttando le potenzialità della rete. Sui social network di  Stefano Cavada è un susseguirsi di ricette sfiziose della tradizione, con continui richiami e approfondimenti riguardanti i luoghi di produzione delle materie prime utilizzate; a tutto ciò si uniscono idee per preparazioni mediterranee, esotiche, nordeuropee

    ( Leggi l'articolo )

    Stefano Cavada è un giovane youtuber altoatesino che ha deciso di far conoscere le tipicità enogastronomiche sudtirolesi, sfruttando le potenzialità della rete. Sui social network di  Stefano Cavada è un susseguirsi di ricette sfiziose della tradizione, con continui richiami e approfondimenti riguardanti i luoghi di produzione delle materie prime utilizzate; a tutto ciò si uniscono idee per preparazioni mediterranee, esotiche, nordeuropee

    Leggi l'articolo
  • 16 2017 ottobre

    Anche il banchetto medievale aveva il suo Galateo

    In una società come la nostra, dove l’importanza delle immagini ha sostituito quella della parola scritta, i cattivi film storici hanno contribuito alla formazione di una falsa conoscenza popolare. L’epoca più maltrattata dagli sceneggiatori è il Medioevo, dove, a forza di essere riproposte, le forzature hollywoodiane sono diventate a poco a poco verità indiscussa nell’immaginario collettivo. Prendiamo come esempio il

    ( Leggi l'articolo )

    In una società come la nostra, dove l’importanza delle immagini ha sostituito quella della parola scritta, i cattivi film storici hanno contribuito alla formazione di una falsa conoscenza popolare. L’epoca più maltrattata dagli sceneggiatori è il Medioevo, dove, a forza di essere riproposte, le forzature hollywoodiane sono diventate a poco a poco verità indiscussa nell’immaginario collettivo. Prendiamo come esempio il

    Leggi l'articolo
  • 12 2017 ottobre

    Ogni pietanza vuole la sua Carta del pane

    L’Italia è il Paese del pane. L’Istituto Nazionale di Sociologia Rurale ha censito ben 219 tipologie di pane. Queste 219 tipologie di pane salgono a 1500 considerando le varianti nate dalla fantasia e dall’abilità dei fornai, oltre che dalla tradizione popolare. Una così ampia tipologia ha portato una decina di anni fa alla stesura di una vera e propria Carta

    ( Leggi l'articolo )

    L’Italia è il Paese del pane. L’Istituto Nazionale di Sociologia Rurale ha censito ben 219 tipologie di pane. Queste 219 tipologie di pane salgono a 1500 considerando le varianti nate dalla fantasia e dall’abilità dei fornai, oltre che dalla tradizione popolare. Una così ampia tipologia ha portato una decina di anni fa alla stesura di una vera e propria Carta

    Leggi l'articolo

Cucina gustosa

Da Stefano Cavada ricette nella tradizione altoatesina

Stefano Cavada è un giovane youtuber altoatesino che ha deciso di far conoscere le tipicità enogastronomiche sudtirolesi, sfruttando le potenzialità della rete. Sui social network di  Stefano Cavada è un susseguirsi di ricette sfiziose della tradizione, con continui richiami e approfondimenti riguardanti i luoghi di produzione delle materie prime utilizzate; a

ottobre 19, 2017
Seupa à la Vapelenentse
Conca dei Navigli di Milano

Buono a sapersi

Törggelen, la tradizione tirolese delle castagne e del vino

Se avete in programma una gita a Bressanone, allungate la vostra passeggiata fino al centro della cittadina, dove si erge il Duomo. Il Duomo di Bressanone è il più importante luogo di culto dell’Alto Adige le cui origini risalgono al 980 d.C. Famoso per l’organo di 3335 canne e 84 registri,

ottobre 4, 2017
Puzzone di Moena
Zuppa del carcerato nell'interpretazione moderna
Il Parrozzo pescarese
Una pentola di cassoeula

Lo sapevate che...?

Anche il banchetto medievale aveva il suo Galateo

In una società come la nostra, dove l’importanza delle immagini ha sostituito quella della parola scritta, i cattivi film storici hanno contribuito alla formazione di una falsa conoscenza popolare. L’epoca più maltrattata dagli sceneggiatori è il Medioevo, dove, a forza di essere riproposte, le forzature hollywoodiane sono diventate a poco

ottobre 16, 2017
Serie di foto segnaletiche storiche di banditi sardi
Uno scorcio suggestivo della Val Trebbia